santorini

Isola di Santorini Grecia

vista di santoriniSantorini è una delle isole più carismatiche delle Cicladi. Le case bianche con le porte e le finestre blu formano un anfiteatro, e riflettono la terra nera bruciata dell’isola.
Sono migliaia i villeggianti, i turisti, le celebrità, gli sposi in luna di miele ed i greci che visitano l’isola ogni estate per trascorrere una vacanza indimenticabile; le foto di Santorini con vista sul tramonto sono un vero e proprio marchio di fabbrica dell’isola. Sono molte le crociere che approdano a Santorini ogni giorno durante la stagione estiva, e sono centinaia i turisti che raggiungono l’isola anche con altri mezzi, come per esempio in aereo, atterrando all’ aeroporto di Santorini.

Le sue peculiarità geologiche, il suo passato e il suo imponente scenario unico nel Mar Egeo ,differenziano l’ isola di Santorini dal resto delle Cicladi. Luminose bianche case a cupola, aggrappate sui lati della scogliera della caldera, formata dall’esplosione del vulcano di Santorini nel 1500 A.C., hanno un’incredibile vista su Kamenes, (bruciati), gli isolotti color carbone. Alcune delle più spettacolari spiagge si trovano a Santorini; sia con ciottoli scuri sia con sabbia nera. Un’intera civiltà è venuta alla luce presso i siti archeologici di Akrotiri, la città preistorica, e Messa Vouno, dove si trovano le rovine dell’antica Thira. A causa della sua enorme popolarità come una località turistica, Santorini ha visto svilupparsi ogni tipo di attività turistica.

SANTORINI OIA

La popolarità di Santorini è dovuta alla sua natura vulcanica, alla conformazione del suo territorio, unico al mondo, ed agli incredibili scavi archeologici di Akrotiri. Questi ultimi hanno portato alla luce una città preistorica di epoca minoica, sepolta dall’eruzione del vulcano di Santorini 3.500 anni fa. Sono questi i due fattori per cui Santorini è uno dei luoghi più visitati in Grecia dopo Atene.

Sono migliaia i villeggianti, i turisti, le celebrità, gli sposi in luna di miele ed i greci che visitano l’isola ogni estate per trascorrere una vacanza indimenticabile; le foto di Santorini con vista sul tramonto sono un vero e proprio marchio di fabbrica dell’isola. Sono molte le crociere che approdano a Santorini ogni giorno durante la stagione estiva, e sono centinaia i turisti che raggiungono l’isola anche con altri mezzi, come per esempio in aereo, atterrando all’aeroporto di Kamari.

Il cuore dell’isola e di tutte le attrattive di Santorini è sicuramente Fyra. La parte più conosciuta e frequentata della città si trova tra la Erythrou Stavrou Street, dove si concentra in larga parte la vita notturna di Santorini, e Ipapantis Street dove si possono trovare molti dei ristoranti di alto livello e gli alberghi dell’isola.

Santorini e l’isola più meridionale delle Cicladi. Il suo suolo è di origine vulcanica, spoglio e con coste scoccese ad Ovest, mentre ha spiagge regolari ad Est e fertili aree pianeggianti dove vengono coltivati molte viti, ortaggi, in particolare pomodori e cicerchie. Rinomati sono i vini di Santorini e la gustosa fava (sorta di polenta fatta con cicerchie lesse)
In origine I’isola si chiamava Kalliste grazie alla sua bellezza. II nome Santorini è veneziano e prevalse durante la dominazione franca (alterazione di Santa Irene, dall’omonima chiesa dell’isola). Fu abitata fin dal 3o millennio a.C.Intorno al 1500 a.C. avvenne la terribile eruzione del vulcano che ebbe quale conseguenza, oltre allo smembramento dell’isola, anche l’arresto del suo progresso e del suo benessere economico.

Il capoluogo di Santorini è Thira (Thera), conosciuta anche come Firà, e costruita quasi al centro dell’arco interno al disopra dell’apertura della caldera, ad un’altezza di 260 metri. Unica e sconvolgente è la vista verso le Kamenes, le isole nate dal vulcano. La posizione di Chora sul ciglio della grigia roccia
vulcanica le dà un’emozionante singolarità, che non si riscontra in nessun’altra isola delle Cicladi.
Dal porto (Skala Firòn) si salgono i gradini che portano sull’altura di Chora (a piedi o con muli e asini ) si può raggiungere anche con la teleferica. Nel Museo Archeologico di Fira sono custoditi i ritrovamenti dagli scavi nell’isola.

ISOLA DI SANTORINIIn località Skaros ci sono le rovine di uno dei cinque kastelia (abitati fortificati) di Santorini. Da Skala Firòn vengono effettuate escursioni con caicchi per Palià e Nea Kameni, dove si può
vedere il cratere del vulcano che emana fumo tra pietre che sembrano d’oro.

Quasi unite a Firà sono Firostefani e Merovighli, con una vistameravigliosa sulla caldera. Continuando la strada più a Nord, parallelamente alle coste occidentali dell’isola, si incontrano Finikià, un villaggio tradizionale, e di sequito la bellissima Oia, a 11 Km a Nord-Ovest di Firà, con le sue singolari case scavate nella roccia sulla fronte verticale della pozzolana. Nel villaggio funziona un Museo Navale. Tramite gradini si scende a fare il bagno sulle spiagge di Armenaki, Ammoudi e Katharos.

Pyrgos, un villaggio dell’entroterra a Sud-Est di Firà, è costruito ad anfiteatro sul versante del Profitis lias ed era uno dei kastelia medievali di Santorini, di cui si conservano le rovine. A breve distanza verso Ovest c’è il porto di Athinios.

AKROTIRI SANTORINIA Sud-Ovest di Chora, vicino al villaggio di Akrotiri, si trova l’omonimo sito scavato che costituisce uno dei più importanti siti archeologici non solo delle Cicladi ma di tutto l’Egeo. Gli scavi, iniziati nel 1967, hanno portato alla luce un’intera fiorente città preistorica. La terribile eruzione del vulcano, avvenuta intorno al 1500 a.C., distrusse la città e la seppelli, coprendola con uno spesso strato di cenere e conservandola attraverso i secoli quasi com’era nel giorno del catastrofico evento.
I meravigliosi affreschi dele case di Akrotiri sono esposti in una sala speciale nel Museo Archeologico Nazionale di Atene.

Ad Est di Akrotiri si trova Emporio o Nimporiò, come lo chiamano i locali. A breve distanza c’è Perissa, un villaggio costiero con una meraviglio- sa spiaggia di sabbia nera. Un po’ più a Nord, in località Mesa Vounò si con- servano le rovine dell’Antica Thera, che era il capoluogo dell’isola durante l’VIll secolo.
Ogni estate a Firà viene organizzato un festival musicale. Inoltre tutto l’anno si svolgono molte sagre nelle numerosissime chiese e nelle cappelle dell’isola. Nella maggior parte di queste sagre vengono offerti cibo e vino e segue una festa locale.

Da via Ipapantis è possibile godere di uno dei più spettacolari panorami sul blu del Mar Egeo, con splendidi tramonti e la vista sulla celebre Caldera.

A Fyra si trova un museo e molte belle chiese, tra le quali il duomo è sicuramente tra le più visitate.

Un chilometro a nord di Fyra si trova un altro villaggio molto conosciuto dell’isola, Imerovigli.

La località è decisamente più silenziosa e quieta di Fyra, ed è ideale per un soggiorno ed una vacanza grazie alla sua posizione centrale ed alla splendida vista sul mare, analoga a quella che si può godere da Fyra.

Più a nord, a circa 10 km., si trova il villaggio di Oia.

E’ qui che molti turisti scelgono di sostare, per via dell’atmosfera pittoresca e dei fantastici panorami sul mare.

A causa della sua enorme popolarità come una località turistica, Santorini ha visto svilupparsi ogni tipo di attività turistica. Dagli hotel di lusso alle pensioni, dai campeggi ai ristoranti, dai bar sulle spiagge ai negozi di souvenir e di alta moda, compresi gioielli e pellicce.

In effetti, Santorini offre tutto quello che potrebbe esigere una vacanza al top, ed anche molto di più.

La quantità davvero notevole di negozi per turisti in Fyra, la città principale di Santorini, ricorda molto quelli presenti nel capoluogo della Repubblica di San Marino in Italia con le sue stradine e scalinate tortuose piene di negozi per turisti, esercizi commerciali specializzati, ristoranti e caffè vivaci di scambi e commerci.

Tra i prodotti più famosi di Santorini i suoi vini locali. Ed una visita alle cantine è sicuramente una delle attività da fare durante un tour a Santorini come d’altronde è previsto in quasi tutti i tour organizzati sull’isola.

Le spiagge di Santorini sono uniche in tutta la Grecia per la loro natura vulcanica, con sabbia grigia e ciottoli neri.

Fyra, Imerovigli e Oia sono tra le tre città più popolari di Santorini. Tuttavia, uno dei luoghi più interessanti da visitare durante il soggiorno è Akrotiri, che probabilmente è uno dei motivi principali per cui l’industria turistica si è sviluppata sull’isola. E questo grazie ai ritrovamenti archeologici che sono stati fatti in questa località, che molti sostengono essere testimonianze della perduta Atlantide.

Gli archeologi stanno lentamente riportando alla luce del giorno i resti di una sorprendente città antica che aveva raggiunto un altissimo livello di civiltà.